Universitas Studiorum Insubriae Università degli Studi dell'Insubria
Sede di Como
Sede di Como
 
Dipartimento di Scienze
Chimiche, Fisiche e Matematiche

Come utilizzare le stampanti di rete da sistemi UNIX

staff@fis.unico.it

INTRODUZIONE: BSD e SYSTEM V

Il termine UNIX® non designa un unico sistema operativo, ma una serie di sistemi operativi piú o meno differenti tra loro. La quasi totalità di essi risulta per motivi storici essere un ibrido di una delle due tipologie principali: l'originale UNIX della AT&T (SYSTEM V) e la variante originariamente sviluppata dall'Università di Berkeley (BSD). Il marchio UNIX è attualmente registrato da The Open Group che sta attuando una politica di protenzione molto aggressiva dei propri diritti esclusivi. Per chi volesse saperne di piú The Open Group mantiene un sito interamente dedicato a UNIX.

Dal punto di vista dell'utente le differenze tra queste due versioni non sono essenziali, un modo semplice di distinguerle è la verifica di quale dei due comandi "ps aux" oppure "ps -ef" funzioni. Il primo caso corrisponde a BSD, il secondo a SYSTEM V. Se funzionano entrambi il sistema è probabilmente un OSF/1: la versione di compromesso che nelle intenzioni avrebbe dovuto sostituire tutte le varianti, ma in pratica ne ha introdotta una terza, oppure AIX che fa eccezione e non è né un BSD né un SYSTEM V.

A noi questo interessa presentemente poiché le interfacce per la stampa di rete sotto BSD e SYSTEM V sono completamente diverse ed ha dunque particolare importanza conoscere su quale variante si stia lavorando per sapere quali comandi utilizzare. Sia OSF/1 che AIX, fortunatamente, utilizzano l'interfaccia di stampa BSD.

Tutte le versioni di UNIX presenti presso la nostra sede possiedono l'interfaccia di stampa BSD tranne SUN Solaris, che è un SYSTEM V, ma possiede anche dei comandi che simulano l'interfaccia BSD per compatibilità con il vecchio sistema operativo SunOS che era basato su BSD. Tali comandi, tuttavia, sono ben lungi dall'essere perfetti, e l'interfaccia SYSTEM V è da preferirsi.

Comandi BSD

lpr   - lpr -Plaserjet_1 file.ps
lpq   - lpq -Plaserjet_1
lprm  - lprm 1
lpc   - lpc status

Esempi

Supponiamo che un utente collegato ad un sistema BSD voglia stampare un file PostScript, di nome file.ps, sulla stampante LaserJet del corridoio centrale. Egli dovrà dare il comando:
% lpr -Plaserjet_1 file.ps
Il comando "lpq" mostra lo stato corrente della coda di stampa, ad esempio:
% lpq -Plaserjet_1
laserjet_1 is ready and printing
Rank   Owner      Job             Files                       Total Size
active user1      585             585-1                       1879151 bytes
1st    user1      586             586-1                       44261 bytes
2nd    user2      659             standard input              129805 bytes
In questo caso vi sono nella coda laserjet_1 due stampe dell'utente user1 ed una stampa dell'utente user2. Posto che quest'ultimo voglia cancellare questa stampa egli dovà usare il comando "lprm" indicando come parametro il numero del proprio job:
% lprm 659

N.B. In caso di errore del tipo copy file too large si può rimediare con l'opzione -s del comando lpr.

Comandi SYSTEM V

lp       - lp -dlaserjet_1 file.ps
lpstat   - lpstat -o laserjet_1
cancel   - cancel laserjet_1-1
lpadmin

Esempi

Supponiamo che un utente collegato ad un sistema SYSTEM V voglia stampare un file PostScript, di nome file.ps, sulla stampante LaserJet del corridoio centrale. Egli dovrà dare il comando:
% lp -dlaserjet_1 file.ps
Il comando "lpstat" mostra lo stato corrente della coda di stampa, ad esempio:
% lpstat -o laserjet_1
laserjet_1-585          jford!user1    1879151   Jul 13 16:28 on laserjet_1
laserjet_1-586          jford!user1      44261   Jul 13 16:29 on laserjet_1
laserjet_1-659          pasta!user2     129805   Jul 13 16:35 on laserjet_1
In questo caso vi sono nella coda laserjet_1 due stampe dell'utente user1 ed una stampa dell'utente user2. Posto che quest'ultimo voglia cancellare questa stampa egli dovà usare il comando "cancel" indicando come parametro il nome del proprio job:
% cancel laserjet_1-659

I Filtri PostScript

Sono stati installati alcuni filtri PostScript di varia utilità.In particolare il filtro a2ps permette di stampare, con varie opzioni, file non-PostScript su stampanti PostScript.
% a2ps -Pdisplay file.txt
% a2ps -Plaserjet_1 file.gif

Code di stampa

Nome Caratteristiche
laserjet_1 Stampante PostScript Corridoio Centrale, fronte-retro
ljchem Stampante PostScript gruppo chimico
segreteria Stampante PostScript Atrio Segreteria
color Stampante Epson Stylus Color 800, via filtro GhostScript
display Stampante fittizia per il filtro a2ps che permette di invocare gv/ghostscript su di un display X




Valid HTML 4.0! <address>Apache/2.2.15 (Linux/SUSE) Server at web.fis.unico.it Port 80</address>
This page has been visited (none) times since (none)